Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti informazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "ulteriori informazioni". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

THE ANAPHORAL GENESIS In evidenza

17 Ottobre 2013

  • + Autore: C. GIRAUDO SJ
  • + Anno: 2013
  • + ISBN: 978-88-97789-34-5
 
Cesare Giraudo SJ è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1960. È stato Invitato dalla Facoltà di Teologia della Pont. Università Gregoriana per il corso su Battesimo, Crismazione ed Eucaristia fino al 2010-11, e dalla Facoltà di Teologia dell’Italia Meridionale in Napoli (Sezione San Luigi) per il corso su Eucaristia fino al 2011-12. È tuttora Invitato dalla Facoltà di Teologia della Pont. Università Gregoriana per corsi di specializzazione alla Licenza. Dal 1998 al 2005 è stato Decano della Facoltà di Scienze Ecclesiastiche Orientali del PIO. È nel consiglio direttivo di “Rivista Liturgica” e della Collana “Monumenta Studia Instrumenta Liturgica”. Ha organizzato presso l’Università Gregoriana il Congresso Internazionale “La genesi anaforica del racconto istituzionale alla luce dell’anafora di Addai e Mari” (25-26 ottobre 2011, a dieci anni dal riconoscimento, da parte cattolica, della validità dell’anafora in uso nella Chiesa Assira d’Oriente). ÈDocente Emerito del Pont. Istituto Orientale dal 2011-12.

Nessuna società costruttrice immette un prodotto sul mercato prima di averlo sperimentato e collaudato: su un circuito se si tratta di un'automobile, nella galleria del vento se si tratta, ad esempio, di un aereo, o semplicemente su un apposito "banco di prova" per qualsiasi altro manufatto. A questa legge della "verifica sul campo" non può sottrarsi neppure la sistematica eucaristica elaborata con acribia e pertinenza dalla teologia scolastica. In rapporto all'Eucaristia sono note le domande che assillano la mente del teologo. Ne ricordiamo alcune. Con quali parole si produce la reale presenza? Esiste un rapporto tra le parole della consacrazione e le restanti parole della preghiera eucaristica? La celebrazione eucaristica nella Chiesa delle origini si faceva con il solo racconto istituzionale, o con tutta quanta una preghiera? Ha senso continuare a dire che Gesù nel Cenacolo ha celebrato la prima Messa e che ne ha celebrata un'altra a Emmaus, lasciando poi agli Apostoli di continuare la serie rituale? Come ipotizzare la genesi della preghiera eucaristica? Sarebbe nato prima il racconto istituzionale, oppure il corpo dell'intera preghiera? È verosimile dare per scontata la genesi statica della preghiera eucaristica, che si sarebbe formata per successive stratificazioni, oppure conviene orientarci verso l'idea di una sua genesi dinamica?

Prezzo: € 39,00

Letto 1605 volte